Multiversi roundbox
Anche il silenzio è un ritmo ma non voglio stare zitto

Anche il silenzio è un ritmo ma non voglio stare zitto
di Chiara Merlo

Com’è difficile parlare della luna!
È così scema la luna.
Dev’essere proprio il culo
quello che ci fa sempre vedere.

Samuel Beckett
(14 gennaio 2016) "Anelante" di Antonio Rezza e Flavia Mastrella, con Antonio Rezza, Ivan Bellavista, Manolo Muoio, Chiara A. Perrini ed Enzo Di Norscia

Anelante, pieno di desiderio, Rezza saltella vestito di bianco e con gli stivaletti di vernice rossi, come un ragazzetto, o una ragazzetta riccia, davanti a un muro con strisce orizzontali e verticali, bianche, nere, e rosse, e finestrelle, da dove sporgono pezzi di carne in bella vista, culi per lo più, e con di lato un crocifisso, dove puntualmente va e poggia il suo culo lasciandosi godere. Perché il culo è dissacrante, e va dissacrato.

Quel suo monologo che non ammette repliche comincia con riflessioni logico matematiche deliranti, dove invece che i numeri sono le parole, sotto radice o al quadrato, a essere esponenziali. E disegnano geometrie impossibili fra i presenti, che fin da subito restano confusi, e perciò si esprimono solo con iniziali sorrisi di circostanza, nervosi. Sorrisi a scatti, che Rezza vuole e alimenta piano piano, con silenzi strategici e psicologici.

Si è sempre interdetti di fronte al movimento repentino ed eversivo in uno spazio ristretto e con linguaggi apparentemente senza senso, eppure più che divertiti a quelle imprevedibili uscite di sé, a un certo punto veniamo liberati, e ridiamo più forte, che il crescendo di iniziative sceniche è un intercalare. Davanti al più performativo e fastidioso dei performer ogni risata è una ribellione del corpo, perciò comincia sotterranea, in pancia.


La parola e il gesto, che sono surreali insieme, annullano ogni possibilità di interpretazione, l'effetto è quello che conta, la conseguenza è tutto. La logorrea per poter distrarre dal concetto, e il movimento per intimorire. Non sia mai ti possa spuntare da dietro le orecchie quell'ometto vivo e salterino che ti attenta con parole schiumogene!



Ma il residuo di concetto resta. Il dialogico. Questo spettacolo è sul dialogico. Senza dialogo naturalmente! E con punizioni fisiche per ognuno che tenti di impostarlo.



C'è un momento che mi sono assolutamente persa nel diabolico rituale del discorso: viene messo un tavolo fra tre persone che parlano senza ascoltarsi, una sull'altra, un'orgia di parole, e fra queste c'è Rezza che continuamente infastidisce e interrompe. Che divertimento! Proprio una presa in giro del nostro modo di (non) comunicare, dove non soltanto l'incomprensione, il rifiuto, la soggezione, la prepotenza gestiscono il flusso di parole senza senso fra le persone, ma anche il rituale, l'orgasmico desiderio di parlare senza ascoltare diventa amaro esilarante.



"Perché, se ti faccio una domanda, poi tu rispondi e mi lasci in silenzio!", geniale intuizione. Perché restare in silenzio? Io voglio dire, voglio parlare, è irriducibile in me, devo dire a ogni costo, e perciò un elenco di cose solo per riempire, solo per tramortire emozioni e significati. Parlare, parlare, parlare, e solo di sé, senza mai stare zitti, altrimenti l'altro si prende uno spazio che poi presto si altera al quadrato, e in uno spazio per due che è ristretto non puoi permettergli di allargarsi.



La scena è piatta e con un muro. Ostinazione e ostilità. Ma ci sono le finestrelle, espediente scenico per venir fuori e irrompere a pezzetti, per quel che ci è concesso. Gli altri sulla scena sono perciò provocatori. Sbeffeggiano da quelle finestrelle mostrando il culo, che perciò viene preso a schiaffi. Folletti acquatici, sinistri pezzi di vita, giochi erotici, riflessi incondizionati.



Mi piace che la scena venga chiamata habitat (di Flavia Mastrella) anche per questo, è il contesto (naturale) dove si incrociano linee e corpi, fra parole e suoni, e salti nel buio, dove si degenera, si de-costruisce, si scompone.



(comunque, la frase sui "due punti"(:) è meravigliosa - "chi ha inventato i due punti è un genio") 



Visto al Teatro Vascello di Roma il 9 gennaio


14 gennaio 2016
Articolo di
nostoi
Rubrica:
Teatro


Ultimi articoli di nostoi
Pietre e pantegane (ricordi cattivi sul filo)
(12/08/2017)

Non volevo mi si perdesse dentro. L'amore.
(28/03/2017)

Crave. Bisogno d'Amore
(02/12/2016)

 © Multiversi Project 
Di link in link verso l'approfondimento
Contattaci
Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, si dichiara che Multiversi.info
non rientra nella categoria di "informazione periodica" in quanto
viene aggiornato a intervalli non regolari.