Multiversi roundbox
Mimì in arte Mia Martini

Mimì in arte Mia Martini
di Alessandra Bernocco

Nella voce, come pure nello sguardo, c’erano una dolcezza e una serietà simili a quelli che hanno le persone continuamente concentrate in un’unica opera amata.
(Lev Tolstoj, Anna Karenina)

Minuetto suona per noi,
la mia mente non si ferma mai.
Io non so l'amore vero
che sorriso ha...
Pensieri vanno e vengono,
la vita è così...
(Franco Califano)
(17 novembre 2018) Raccontare l’artista ma prima ancora la donna, dietro l’artista. Ascoltarla, lasciarla parlare, se vuole, oppure ascoltarne i silenzi. Ma senza fare domande. Con delicatezza, senza rompere un guscio troppe volte violato.
Mimì in arte Mia Martini. E’ contenuto nel titolo l’intento di questo spettacolo, la sua ragion d’essere.
Più che un omaggio, il lavoro di Melania Giglio, è ricerca di prossimità. Desiderio di vicinanza. Complicità. Accoglienza oltre lo spazio e il tempo.

Ecco allora la scena, un non luogo bianco, paradisiaco, dove si va in altalena e sicuramente si sente il rumore del mare. E si sta così bene che si può raccontare anche l’inferno. Perché la vita è così. Bianca e nera. Dolcissima e amara. Tenera e rude. E l’inferno brucia di meno se ci sono due angeli con le ali grandissime, pronti a proteggerti.

Sono loro ad accoglierla, vestita di nero, caschetto nerissimo, in questo spazio bianco che intorno a lei sembra ancora più bianco.


E sapremo subito che ci troviamo sulla spiaggia di Bagnara Calabra. Non so immaginare se fosse davvero questo il suo paradiso, ma certamente è una trovata che strappa il primo sorriso. Se mai ci fossimo sintonizzati su corde leggiadre, era uno scherzo. Della Giglio, sicuramente, con il bene placito non senza tormenti di Daniele Salvo, alla regia.  



In un’ora e venti di spettacolo Mimì si rivela man mano, condividendo ricordi che già conosciamo ed esperienze più dolorose e riposte, che chiedono tempo e fiducia. Il fibroma all’utero, i quattro mesi di carcere per un po’ di canapa indiana, o fosse pure di coca, di quella che nei salotti hai voglia e lei invece l’hanno sbattuta in galera; l’incidente in macchina, precipitata in un burrone, che qui diventa metafora  della sua vita, fatta di gioie e dolori, alte vette e precipizi in cui decidere di abbandonare, anche solo per un momento, tutto il dolore che ti mangia l’anima. E poi i polipi alle corde vocali, il tradimento più grande, che si accanisce dopo un tradimento d’amore. La vendetta del corpo contro l’anima offesa. E l’infanzia, non proprio dorata, che prende vita in quella casetta in miniatura, adagiata sul proscenio, che evoca innocenti giochi infantili e atmosfere familiari serene. Un inganno, come la casa nel bosco di Hansel e Gretel, che racconta ancora una volta che la vita è così. Dentro, la sua mamma bellissima, musicista relegata al ruolo di moglie e di madre e il padre padrone, sul quale vola e sorvola, ormai senza peso.



Mimì è tornata senza rancore, in pace, quasi felice di tentare con grazia la purezza degli angeli.  Anche se Melania una mano a sistemare due cose gliela vuol dare. E qualche colpo lo assesta. Si affacciano anche i cattivi, in questo paradiso di gente perbene.  Quelli che le hanno sbarrato la strada, chiuso le porte. I calunniatori, maldicenti, pettegoli, ‘rosiconi’ che non c’è parola più vera e perfetta: sopravvissuti a se stessi, zombie rauchi e ridicoli. Tornano come incubi e non hanno un nome. Ma poi  basta svegliarsi e ti accorgi di nuovo che la vita è così. Per aspera ad astra. Ci sono gli angeli e i diavoli. Ma non fanno più nemmeno paura,  anche se ancora ci provano a fare bau bau.



Invece lei è lì, più viva che mai, fascinosa e bellissima. E poi quella voce: la sua. Perché Non finisce mica il cielo se manchi tu, Piccolo uomo, e Minuetto, La nevicata del ’56, La donna cannone, La costruzione di un amore. Mimì canta le sue canzoni più belle e con lei gli angeli, complici, sempre più vivi, sempre meno impalpabili.



Sono Mamo Adonà, raro come un miracolo, voce di  soprano  in corpo di uomo, che ci ha preso per mano con l’aria di Handel,  Lascia ch’io pianga mia cruda sorte e Sebastian Morosini, attore e danzatore capace di movenze intriganti, ambigue,  più che mai opportune.  



Un lavoro di cuore, che suggerisco a chiunque abbia amato Mimì. E non solo.



("Mimì in arte Mia Martini", di e con Melania Giglio, con Mamo Adonà e Sebastian Morosini, regia  Daniele Salvo, Scene Fabiana Di Marco, Costumi Daniele Gelsi, Luci e video David Barittoni).



Visto al Teatro Off Off di Roma


17 novembre 2018
Articolo di
nostoi
Rubrica:
Teatro


Ultimi articoli di nostoi
TU ES LIBRE
(04/12/2018)

La scortecata e il senso del dramma
(13/11/2018)

L'Abisso è una parola scavata
(10/11/2018)

 © Multiversi Project 
Di link in link verso l'approfondimento
Contattaci
Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, si dichiara che Multiversi.info
non rientra nella categoria di "informazione periodica" in quanto
viene aggiornato a intervalli non regolari.