Multiversi roundbox
Teatro Quarticciolo

Teatro Quarticciolo

(05 giugno 2009) “Amlieto: la prova generale”, diretto da Pascal La Delfa.

Messo in scena dal gruppo del laboratorio teatrale integrato del Quarticciolo, Amlieto è uno spettacolo molto particolare.

Innanzitutto la “i“ di Amlieto non è un errore, è una differenza, una possibilità di “essere o non essere”, ma diversi. Il dubbio è se ci riusciamo. Certo non basta interrogarsi davanti a uno specchio del sé e neanche spiegare in esso, a strati, il senso del teatro.<
Questa volta il protagonista ci suggerisce di non complicare le cose…dormire o sognare, dormire o morire…forse è meglio semplicemente raccontarsi, raccontare inconsapevoli l’inabilità di vivere la propria autenticità, senza troppe congetture.

E così quello stesso disagio shakespeareiano dell’impossibilità lo ritroviamo nelle più intime pene quotidiane, e ci dicono semplicemente che siamo fragili. Ma sulla fragilità possiamo anche appoggiare il nostro sorriso, anche se il dolore punge inaspettato dietro agli occhi.

Una bellissima esperienza di “teatro sociale”, di persone speciali che ci regalano la tenerezza di essere guardati, mentre il nostro guardare a tratti sprofonda nella nudità, nell’abisso dell’altro, e perciò si fa nervoso, spietato, umiliante.

Ma per fortuna ci sono le favole…che confuse possono toglierci dallo schema, da una narrazione descrittiva dell’io. Così ci attirano nel vortice segreto dell’inaspettato, facendoci amare anche quei personaggi bui di un bosco notturno che è fatto di ombre e paure.

Aprire una porta, portare la propria valigia, sognare le cose possibili, ma anche quelle impossibili, questo è il teatro che ci emoziona, mentre il sogno è l’unica realtà che conosciamo interiormente.

Davvero molto “impegnati” gli attori di questa compagnia, ci hanno detto di amare le piccole cose e di amare, soprattutto con gli occhi, le persone che incontriamo sul nostro cammino, senza pregiudizi, senza sospetti.

Davvero esauriente la regia, per una messa in scena dove il simbolo non è solo evocazione, ma necessità emotiva, e dove l’esistenza è un luogo sconosciuto…

Molto belle anche le musiche.

Il teatro di Roma ha scelto ancora una volta di sperimentare e sublimare, di restituire così, col teatro di “prossimità”, il teatro di “cintura”, la fiducia e la consapevolezza, la voglia e la forza di essere di frontiera.

di Chiara Merlo

05 giugno 2009
Articolo di
nostoi
Rubrica:
Teatro


Ultimi articoli di nostoi
DUE PAROLE SU B&B TRA B&B
(15/05/2019)

Una specie di storyboard
(26/04/2019)

Rivivono a Siracusa gli alberi della Carnia
(18/04/2019)

Multiversi Link
GUARDARE | FAVOLE | OCCHI |
Approfondimenti
http://www.teatrobibliotecaquarticciolo.it/
 © Multiversi Project 
Di link in link verso l'approfondimento
Contattaci
Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, si dichiara che Multiversi.info
non rientra nella categoria di "informazione periodica" in quanto
viene aggiornato a intervalli non regolari.