Multiversi roundbox
Trouble di Ray LaMontagne, sofisticatamente vintage

Trouble di Ray LaMontagne, sofisticatamente vintage
di Fabrizio Comerci

(12 ottobre 2009) Il sound quello di una volta. Quello dei tempi in cui attorno a una voce e una chitarra si potevano costruire album indimenticabili. Con Trouble (RCA Records - 2004), Ray LaMontagne entrato nell'Olimpo dei cantautori statunitensi, regalandoci tre quarti d'ora di emozioni e di buon ascolto


Folk e soul legati assieme da una voce che trasuda carisma e passionalità, nonostante sia sussurrata e, a tratti, afona. Trouble, La prima opera di Ray LaMontagne ci presenta un artista che si è avvicinato alla musica tardivamente, ma che è riuscito a confezionare un prodotto senza scadenza. Senza dubbio grazie anche al supporto del produttore Ethan Johns (Ryan Adams, Kings of Leon, Emmylou Harris...), dal quale sono arrivati gli arrangiamenti delle percussioni, del piano, della seconda chitarra, del basso e della sessione di archi, le tracce di Trouble possono soddisfare anche i palati più raffinati.



Già in apertura di album, con il ritmo andante di Trouble, si viene catturati dal sound vintage della batteria, del basso e degli archi che sottolineano le dinamiche del pezzo. Da non dimenticare i delicati contributi d'atmosfera forniti da Jennifer Stills (figlia di Stephen Stills, scintilla dell'ispirazione di LaMontagne) come voce di supporto in Narrow Escape e Sarah Watkins (dei Nickel Creek), che presta la voce e il fiddle (violino) in Hannah e All the Wild Horses.



I testi possono avere una loro profondità, ma sono assolutamente da ascoltare calati nella metrica, come elemento fondamentale dell'atmosfera delle singole tracce.



In questo senso, non perdete di ascoltare con attenzione Narrow Escape, un valzer con sfumature dal sapore messicano introdotto da un'armonica che fa tanto Neil Young, e le due ballate Hannah e Jolene.



Unica nota stonante è forse How Come, pezzo soul ritmicamente più sostenuto, impacchettato con l'aspirazione di fargli scalare le hit ma che, con i suoi suoni (moderatamente) saturi e più elettrici, s'introduce violentemente nell'atmosfera morbida degli altri pezzi.



La produzione discografica di Ray LaMontagne, dopo Trouble, è proseguita, ad oggi, con Till The Sun Turns Black (2006) e Gossip In The Grain (2008).


12 ottobre 2009
Multiversi Link
ARRANGIAMENTI | SOSTENUTO
  Multiversi Project 
Di link in link verso l'approfondimento
Contattaci
Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, si dichiara che Multiversi.info
non rientra nella categoria di "informazione periodica" in quanto
viene aggiornato a intervalli non regolari.