Multiversi roundbox
Altai di Wu Ming

Altai di Wu Ming
di Fabrizio Comerci

(11 marzo 2010) Una rivolta scuote lo status quo, aprendo una finestra sul futuro: la realt perde la consistenza monolitica, tutto pu essere messo in dubbio. Non importa essere dalla parte di chi vince, se hai combattuto al fianco della moltitudine, se la tua battaglia ha fatto vacillare l'arroganza del potere.
Passano quindici anni (solo dieci, fuori dalle pagine stampate). Cambia l'inquadratura: ora la guerra delle utopie si combatte ai vertici. Ora si combatte con l'avallo del potere. Ma la battaglia perde il proprio fascino. Ora puzza di morte. E la sconfitta non ha alcun senso

«Una fede diversa ogni volta, sempre gli stessi nemici, un'unica sconfitta»
Q (Luther Blissett)

«Machiavelli ha scritto che bisogna guardare il fine, non i mezzi. S, anche Yossef me lo ha ripetuto spesso (...) Con gli anni, ho invece imparato che i mezzi cambiano il fine»
Altai (Wu Ming)



Lo stile cambiato. Forse pu risultare meno d'effetto, a una lettura distratta. Il protagonista cambiato anch'esso. Il tratteggio passato dalle linee nette al chiaro-scuro. Con s porta, fin da subito, il fardello di un passato complesso.

Ci si potrebbe chiedere quale sia il collegamento tra Q (Einaudi - 1999) e Altai (Eindaudi - 2010), i due romanzi prodotti dal collettivo Wu Ming (fu Luther Blissett), al di l dell'epoca contigua dell'ambientazione e di qualche personaggio in comune.
E ne avrebbe da rimanere ben deluso chi si aspettasse, con Altai, il seguito di Q nel senso classico.
C' da immaginarlo, piuttosto, come un ragionamento iniziato anni prima, al quale si vuole mettere un cappello.
E, dopo dieci anni, dire le stesse cose e allo stesso modo, sarebbe da pazzi.

Altai inizia dove Q finisce: tra Venezia e Istambul. Della rivolta dei contadini tedeschi (1524) seguita alla riforma protestante, che ha fatto da trama al primo romanzo, in Altai non rimane che un'eco lontana e distorta. L'avventura della nuova opera dei Wu Ming s'innesta, invece, negli eventi (romanzati e non) che portarono alla battaglia di Lepanto. Cristiani contro Ottomani ma, prima di tutto, commercianti contro commercianti. E se dietro l'ideologia religiosa c' la valutazione geopolitica, all'ombra di essa, a sua volta, si giocano complotti e contro-complotti che fanno di tutto il Mondo una civilt unica. Sulla scacchiera, a muovere le fila degli orientali, troviamo anche l'utopia proto-sionista di Giuseppe Nasi, ebreo sefardita che assurse a un ruolo di spicco nella corte del sultano Selim II e che i lettori di Q ricorderanno con il nome di Joo Miquez.

Chi si sta immaginando Altai come un mondo per soli uomini, si sbaglia. Il romanzo pieno di donne carismatiche e affascinanti, che suppliscono al divieto loro imposto di partecipare alle decisioni ai vertici, con la tessitura di trame ancora pi fitte e nascoste. Ambasciatrici di una saggezza che fa sembrare la Storia uno sciocco gioco al massacro.

Se avete gi letto Q, avrete il piacere di ritrovare alcuni personaggi (maturati come se avessero vissuto davvero quei dieci anni). Se non avete gi letto Q, ma Altai v'incuriosisce, allora: buona lettura. Come stato ribadito pi volte dagli autori, Altai fa storia a s.

11 marzo 2010
Multiversi Link

STILE


CAPPELLO

  Multiversi Project 
Di link in link verso l'approfondimento
Contattaci
Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, si dichiara che Multiversi.info
non rientra nella categoria di "informazione periodica" in quanto
viene aggiornato a intervalli non regolari.